Ricerche di mercato, tendenze sensoriali, nuovi metodi e analisi di prodotti
 

Analisi sensoriale: piace agli uomini del marketing

Aism 1Human marketing e business intelligence il titolo della tavola rotonda moderata da Massimo Giordani (vice presidente dell’Associazione Italiana Sviluppo Marketing), dove hanno preso parte Luigi Odello (presidente del Centro Studi Assaggiatori), Barbara Labate (Ceo Risparmio Super – ReStore), Fabrizio Bellavista (partner Emotional Marketing Research) e Enrico Aprico (direttore marketing e comunicazione Copernico e professore aggiunto dell’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano). I discussant hanno così creato uno scambio dinamico e vivace di idee dove l’analisi sensoriale non poteva mancare.

L’accellerazione del progresso tecnologico ha portato a cambiamenti epocali con impatti in tutti i campi, incluso il marketing. L’Aism ha deciso di dedicare il congresso annuale 2017 a L’intelligenza nel marketing dell’era digitale. Diversi sono stati gli interventi che hanno spaziato dai social media ai social influencer, dal marketing territoriale ai social media marketing. Il congresso ha registrato complessivamente una grande partecipazione, oltre 300 persone. È stato molto apprezzato lo strumento dello streaming che ha consentito di seguire i lavori anche da remoto e che ha registrato come il 65% delle persone in collegamento sia rimasta connessa per più dell’80% del tempo complessivo della diretta. Su Twitter, canale sul quale è stata effettuata una diretta ad hoc, si è raggiunto il quarto posto nei trending topic italiani, risultato notevole se si considera che l’evento era rivolto a uno specifico ambito professionale e non a un pubblico generico.

Più che dai numeri, il successo di questa edizione del congresso nazionale Aism è espresso dall’attenzione del pubblico, rimasto in sala fino alla conclusione dei lavori che ha sforato di 20 minuti l’orario previsto a causa della discussione generata dalla tavola rotonda.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.