Ricerche di mercato, tendenze sensoriali, nuovi metodi e analisi di prodotti
 

Odore dei banchi da chiesa: un problema per i vini

glass-1396260_640Sarà forse questa strana nota a succedere al minerale per fare discutere reggimenti di sommelier e a tormentare il sonno di enologi di tutto il mondo. Di preciso non si sa ancora quali siano le molecole che la generano, la ricerca si sta orientando su una particolare associazione di alcuni tioli con siringaldeide. Questo potrebbe spiegare il fatto che il citato sentore si trovi con maggiore frequenza in vini bianchi fermentati in barrique o comunque passati in piccoli contenitori di legno. Non si comprende invece come faccia a rilevarsi anche in vini fermentati in anfore e perché sia maggiormente evidente in quelli sottoposti a dialisi.
Alcuni critici, che si definiscono esperti di analisi sensoriale, l’hanno però trovata piacevole e la indicano come forte elemento di identità, molto maggiore del minerale, sicuramente alla pari del sotolone e del rotundone.

Resta però il problema della comunicazione, soprattutto quando questa è rivolta a culture in cui le chiese non ci sono o sono rare o comunque non hanno i banchi come quelle europee. Abbiamo infatti ricevuto richieste da parte di traduttori che devono traslare il concetto in cinese mandarino e classico, in coreano e in giapponese. Ci stiamo lavorando, perché l’analisi sensoriale è sicuramente in grado di risolvere il problema interrogando opportunamente la gente del posto sui vini che manifestano questa nota particolare per comprendere come la definiscono, ma è un lavoro che richiede tempo e risorse.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.