Ricerche di mercato, tendenze sensoriali, nuovi metodi e analisi di prodotti
 

Quando la ristorazione di lusso si rende utile

In Francia, la “luxury gastronomy” è vista come un’istituzione e parte incorporante del patrimonio culturale. Data la sua importanza, un gruppo di ricercatori ha esaminato come dodici chef stellati hanno risposto alla crisi pandemica generata dal CoViD-19, la quale ha colpito severamente la ristorazione.
Sperimentando questa grave ed inaspettata crisi, gli chef, veri e propri “creative directors” sono stati spinti a reinventarsi nuovi modelli di business nell’era post CoViD-19 per continuare a offrire piatti ed esperienze uniche ricercando costantemente la qualità, il piacere, la passione, la conoscenza e la cultura che li contraddistingue.

Dai risultati della ricerca, è emerso che gli chef hanno adottato una risposta strategica a più livelli: sociale, settoriale e individuale, guadagnandosi il soprannome di “social bricoleurs”. In prima linea, hanno promosso attività filantropiche: innumerevoli sono state le donazioni, le raccolte fondi, le sponsorships. In particolare, hanno offerto le loro creazioni allo staff medicale, ritenendo che i loro piatti creativi e gustosi potessero promuovere benessere e senso di supporto, dimostrando così sensibilità ed altruismo. Secondariamente, hanno esercitato il loro ruolo di influenzatori facendo partire delle campagne sui social per supportare gli attori del mondo foodservice, i quali lamentano la crisi pandemica.
Per curare la loro relazione con il cliente e consumatore hanno sfruttato questo periodo per pensare come offrire in maniera differente le loro creazioni attraverso la delivery e hanno promosso il piacere di cucinare e mangiare condividendo ricette attraverso dei podcast. Quest’ultima strategia ha permesso loro di conquistarsi nuovi segmenti target che in un periodo diverso probabilmente non sarebbe potuto accadere.

I risultati di questa ricerca, anche se non possono essere generalizzabili, mettono in luce la possibilità di redifinizione del proprio business che possono creare valore aggiunto per i consumatori e offrire una migliore posizione competitiva, aprendosi uno spiraglio di luce in un periodo buio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.