Ricerche di mercato, tendenze sensoriali, nuovi metodi e analisi di prodotti
 

Puzze: nescienza o ignoranza?

Che gli studenti non sappiano fare ricerca è cosa nota, che blogger e influencer (chiedo scusa per la generalizzazione) non la facciano è del tutto naturale, ma che neppure chi si occupa della cosa pubblica ne sia avulso lascia alquanto perplessi. Ora: sulla stampa generalista di qualche tempo fa è apparsa la notizia che, tra i tanti problemi che affliggono la Campania, vi è pure quello dei miasmi che con la bella stagione compaiono nella Terra dei fuochi. Da qui l’idea di lanciare un bando per reclutare annusatori che dovranno avere un naso fine e, per questo, saranno pagati 38 euro per tre ore di lavoro (non si sa se netti o lordi). Ora, oltre al fatto che se una persona ha un naso più performante della media forse gradirebbe qualcosa di più di una colf, l’analisi sensoriale ambientale ha una lunga storia, gode di ricerche di spessore e di norme molto precise. Basta conoscerle e, se non si conoscono, documentarsi o rivolgersi a specialisti.

Luigi Odello

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.