Ricerche di mercato, tendenze sensoriali, nuovi metodi e analisi di prodotti
 

L’isomalto-oligosaccaride prodotto dalla fermentazione con Weissella Cibaria

Nell’industria alimentare si sta diffondendo sempre di più l’utilizzo dell’isomalto come alternativa al saccarosio, sia per le sue proprietà nutrizionali e prebiotiche, sia per quelle tecnologiche legate a una maggior plasticità che lo rende molto versatile nel campo della pasticceria.
Per tali ragioni, negli ultimi anni sono nati diversi studi in merito al suo utilizzo e alle sue proprietà; uno di questi è stato quello effettuato dall’Università di Alberta, in Canada, il quale ha applicato l’analisi sensoriale a diversi succhi di miscela contenenti gli isomalto-oligosaccaridi prodotti dalla fermentazione con Weissella Cibaria, un lattobacillo Gram+, per valutarne l’accettabilità sul consumatore finale.
Come campionatura, sono state preparate e fermentate diverse formulazioni di miscele, variando la concentrazione di succo d’arancia, saccarosio ed estratto di malto; all’interno di queste è stata quindi inserita Weissella Cibaria 10M per sintetizzare enzimaticamente glucano-oligosaccaridi ? (1-6) legati mediante reazioni di transglicosilazione, con maltosio come carboidrato accettore e saccarosio come donatore. La resa ottimale di oligosaccaridi è stata dopo 24 ore, producendo 19,4 g / L di oligosaccaridi (grado di polimerizzazione 3) da 36 g / L di maltosio e 19 g / L di saccarosio; tutte le miscele si sono quindi rivelate buone alternative per sintetizzare isomalto-oligosaccaridi con diversi gradi di polimerizzazione. Per quanto riguarda l’analisi sensoriale, le miscele hanno rilevato una buona accettabilità media rispetto al succo d’arancia naturale, raggiungendo punteggi di circa 6 su una scala edonica a 9 punti. Di conseguenza, lo studio ha dimostrato che le miscele di succhi contenenti succo d’arancia ed estratto di malto con Weissella Cibaria costituiscono delle bevande prebiotiche innovative caratterizzate da buoni indicatori sensoriali.

Veronica Volpi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *