I due volti dell’analisi sensoriale

| 0 commenti

23.04A maggio, il 13 e il 17, a quattro soli giorni di distanza, due importanti eventi mostreranno i due volti dell’analisi sensoriale.
Il 13, infatti, a Brescia, all’Istituto Zooprofilattico Sperimentale della Lombardia e dell’Emilia Romagna, si svolgerà la tornata di apertura dell’International Academy of Sensory Analysis in collaborazione con l’Istituto Eccellenze Italiane Certificate e con l’Izsler stesso.

Qui l’analisi sensoriale assumerà la sua forma di disciplina nata per descrivere e misurare il percepito, finalizzata alla garanzia del piacere al consumatore. Attraverso un metodo ormai molto collaudato e perfezionato nel corso di vent’anni (è stato applicato al vino Valcalepio, all’Espresso Italiano, al tartufo bianco d’Alba, all’Aceto Balsamico di Modena e ad altri prodotti ancora), con l’analisi sensoriale si certifica il “buono”, caratteristica che sopravanza alla grande elementi distintivi come l’origine, il biologico e altri in quanto il primo desiderio di un consumatore nell’atto alimentare è la gratificazione attraverso il piacere.

Il 17 maggio, a Ferrara, nell’ambito del Festival di Altroconsumo, l’analisi sensoriale mostrerà l’altro volto, quello derivante dall’insieme di tecniche e metodi volti a incrementare la percezione (e quindi il piacere) attraverso la narrazione di prodotti tipici e dei loro territori mediante tecniche innovative che si basano proprio sulla nostra disciplina. In questo caso si svolgerà un vero processo dal titolo  Presi per la gola: ma ce la raccontano giusta? L’iniziativa è dei Narratori del gusto che celebrano così la loro convention annuale.

L’evento avrà come compendio una singolare degustazione con l’uso delle mappe sensoriali che si svolgerà nel cortile del castello, sempre a Ferrara, nel pomeriggio.

Scarica la locandina.

Registrati:
13 maggio a Brescia: http://goo.gl/nU5RTX
17 maggio a Ferrara: http://goo.gl/R4BpDm

 

Lascia un commento

I campi obbligatori sono contrassegnati con *.