Il nuovo Codice Sensoriale: Olio di oliva

| 0 commenti

Copertina-CSO-per-Isbn-v0.1Ci sono tre livelli di piacere, crescenti. Il primo è quando noi percepiamo, indipendentemente dalla nostra sensibilità, qualcosa che ci fa stare bene. Il secondo quando abbiamo la capacità di descrivere e misurare quello che ci dà piacere. Il terzo quando sappiamo che la percezione positiva ricevuta è dovuta a qualcosa di raro e di prezioso di cui abbiamo coscienza del pregio delle materie prime e della maestria nella realizzazione.

Il Codice Sensoriale Olio di Oliva nasce nella prospettiva di fare raggiungere all’utente finale il terzo livello del piacere, consentendogli di incrementare la realtà percepita fino a conoscere le relazioni esistenti tra quanto percepisce e la genesi degli stimoli che riceve durante il consumo del prodotto. Questo non solo significa appropriarsi di autonome capacità di scelta svincolandosi da cantori e pubblicità, ma riuscire a dare un nuovo significato al consumo del condimento principe della cucina italiana.

Immergersi nell’aroma dell’olio di oliva che si sta consumando per iniziare un viaggio per i territori che lo producono e i personaggi che li popolano dà un nuovo valore all’atto alimentare e alla spesa che ha comportato. Il futuro non è rappresentato dal low cost, ma dal sapere spendere il giusto perché quanto riceviamo lo compensa. Sapersi allontanare dai miti per acquistare prodotti ad alto valore intrinseco è una sfida che in un mondo scolarizzato come il nostro si può vincere. Questo nuovo codice sensoriale vuole dare un piccolo contributo alla società per raggiungere questo obiettivo.

http://shop.assaggiatori.com

Lascia un commento

I campi obbligatori sono contrassegnati con *.