La Grappa: tradizione di ieri, sfida di oggi, tesoro di domani

| 0 commenti

img_3253_optMai come in questo momento il mondo della grappa ha necessità di cultura e di riflessioni sagge. A Brescia ci ha pensato Adid con un pregnante convegno (in foto, da sinistra, il governatore della sezione Renato Hagman durante la sua prolusione, l’assessore alla Sicurezza del Comune di Brescia Valter Mucchetti, l’assessore regionale allo Sviluppo Economico Mauro Parolini, la moderatrice e vicepresidente nazionale Adid Alessia Biasiolo e il distillatore Pierluigi Bosso) dal titolo La Grappa: tradizione di ieri, sfida di oggi, tesoro di domani che si è svolto il 25 novembre. Sono stati trattati argomenti strategici: il riutilizzo delle vinacce esauste (ingegner Masserdotti della A2A), l’arte dell’uso della vinaccia (Fioravante Buttignol, enologo), la produzione della grappa bresciana (Carlo Andreoli, distillatore), la grappa e l’origine della materia prima (Pierluigi Bosso, distillatore), i 170 anni della grappa (Elisa Belvedere Mazzetti, distillatrice), la distillazione della vinaccia e della frutta a km0 (Claudio Tomasi, distillatore).

In sintonia gli interventi delle autorità: come ricorda l’assessore allo Sviluppo Economico di Regione Lombardia, Mauro Parolini, che plaude al convegno per l’impegno di coagulare intorno a un evento persone diverse, ma che rappresentano tutti gli aspetti della questione grappa: dalla tradizione, dal rispetto per chi ci ha lasciato questa magica acqua di vita (come bene ha ricordato Renato Hagman, socio fondatore e governatore Adid di Brescia nel suo intervento), fino all’importanza economica, turistica, educativa. Soltanto lavorando assieme si possono raggiungere i migliori risultati, afferma l’Assessore. A cui fa seguito l’intervento dell’assessore alla Sicurezza del Comune di Brescia, Valter Mucchetti, che ha ricordato come la filosofia del bere bene predicata dal sodalizio, faccia sì che l’associazione si trovi a operare in sintonia con le istituzioni, atte a promuovere atteggiamenti positivi per se stessi, la propria salute e la società.

Durante il convegno è stata inaugurata la mostra dell’artista Ivo Compagnoni La Grappa diventa arte, con quadri appositamente realizzati per l’occasione. Sulle tele la terra amalgamata con colori, materiali, oggetti che consentono non tanto il riuso, quanto la rivisitazione nell’immaginario personale di quanto abbiamo a disposizione, in un connubio tra utilizzo e scarto che acquisisce un valore aggiunto, grazie all’operosità e all’ingegno umani. Quadri apprezzati dai presenti e anche dagli studenti d’indirizzo dell’Agenzia Formativa Don Angelo Tedoldi di Lumezzane, accompagnati dalla loro docente Alessia Biasiolo, nel ruolo anche di vicepresidente nazionale di Adid e di giornalista moderatrice.

Lascia un commento

I campi obbligatori sono contrassegnati con *.