Sensory News

Il settimo gusto che non ti aspetti

| 0 comments

shutterstock_63181444_optRicercatori del California Institute of Technology di Pasadena hanno scoperto il settimo gusto, l’acqua, che va ad aggiungersi agli altri sei: dolce, salato, acido, amaro, umami e grasso. Lo studio, fatto sui topi e pubblicato sulla rivista Nature Neuroscience, aiuta a spiegare come fanno gli animali a riconoscere l’acqua da altri liquidi quando hanno sete.
Fin dall’antichità i filosofi, come Aristotele 300 anni prima della nascita di Cristo, hanno affermato che l’acqua non ha sapore, ma in un tentativo di risolvere la questione, i ricercatori hanno cercato recettori del gusto per l’acqua sulla lingua dei topi. Ma la presenza di recettori è sufficiente per definire l’esistenza di un sapore? Pensiamo di no.
Già in passato abbiamo messo in dubbio che l’umami sia un sapore e ci siamo schierati apertamente a favore della tesi di considerare anche gli altri sapori non come singoli, ma come ampie famiglie nelle quali si collocano svariati analiti che portanno a una certa percezione.

Articoli simili:

  1. Musica: il condimento che non ti aspetti
  2. Perché i giapponesi capiscono umami, mentre noi no?
  3. Obesità: fa perdere il gusto ma non l’appetito

Lascia un Commento

Required fields are marked *.