Presentato a Vinitaly il ventesimo libro del professor Mario Fregoni

| 0 comments

Al recente Vinitaly é stato presentato il ventesimo libro del professor Mario Fregoni dal titolo Le viti native americane e asiatiche. Ibridi portinnesti e varietali, edito dalle Città del vino di Siena. Di fronte a un centinaio di esperti, ha diretto i lavori Paolo Corbini dando la parola per l’introduzione al direttore delle Città del Vino Paolo Benvenuti.
Il professor Luigi Bavaresco dell’Università Cattolica di Piacenza ha riassunto la sua prefazione al libro e Fregoni ha spiegato le motivazioni della nuova opera. Si é soffermato sulle due linee della moderna viticoltura,discendenti dalla storia, ossia la strategia genetica degli ibridi fra le specie americane, che ha consentito di salvare la viticoltura europea dagli attacchi della fillossera radicale, e quella della selezione di ibridi da coltivare per produrre vino. Questa linea non ha dato, dopo 200 anni di ibridazioni, risultati positivi dal lato qualitativo, tanto che il 99% delle varietà coltivate nel mondo appartengono alla Vitis vinifera proveniente dal Caucaso. Al contrario la strategia della viticoltura biologica è in continuo progresso, tanto che nel mondo e in Italia si estende sul 15,5% della superficie. La linea biologica è parificabile alla vaccinazione in campo umano perché annualmente ottiene le resistenze alle malattie dall’applicazione di composti organici. La linea genetica invece modifica in modo irreversibile il genoma delle nostre varietà, rappresentato da un patrimonio di oltre 3000 varietà italiane e 10000 mondiali, pervenuteci da 12000 anni di pazienti selezioni dei viticoltori di tanti paesi.
Sono seguiti gli interventi del professor Luigi Moio dell’Università di Napoli, di Donato Lanati di Enosis, di Lorenzo Gallo della Green Has Italia, di Graziano Manenti di Vitis Rauscedo, di Andrea Cabiddu della Sardegna e di Filippo Mobrici presidente di Piemonte Land. Molti sono allievi dell’autore di quest’opera originale e utile per gli esperti scientifici e per i viticoltori.

Leave a Reply

Required fields are marked *.