Ai bambini piace il prosciutto?

| 0 comments

Il ruolo dei bambini viene spesso sottovalutato in analisi sensoriale, eppure dovremmo tenerne conto. In questo campo l’età non conta: esistono ottimi giudici in pensione e allo stesso modo anche un bambino, formato attraverso giochi e attività pensate per lui, è in grado di esprimere le proprie percezioni e dare un giudizio, in modo molto più spontaneo rispetto a quanto farebbe un adulto. Gli sbocchi per le aziende possono riguardare dei test sui prodotti destinati ai bambini prima del lancio sul mercato, ma anche la creazione di campagne pubblicitarie intelligenti e mirate.
Non dimentichiamoci poi che un bambino formato di oggi è un attento e consapevole consumatore di domani. Coinvolgerlo in queste attività significa fargli vivere un’esperienza piacevole e coinvolgente, che ricorderà con il sorriso quando compirà le sue future scelte di consumo.
Di questa tesi pare essere convinto Claudio Rizzi, direttore marketing di Ferrarini, azienda protagonista del Napoli Pizza Village, dove il prosciutto cotto sarà presentato in chiave gourmet dalle 45 pizzerie partecipanti all’evento e non solo. Interverranno infatti anche molti bambini che metteranno letteralmente le mani in pasta per creare la loro pizza al prosciutto cotto.

Leave a Reply

Required fields are marked *.