Analisi sensoriale al servizio della diplomazia

Perché la diplomazia si fa soprattutto a tavola