Ricerche di mercato, tendenze sensoriali, nuovi metodi e analisi di prodotti
 

Interazione sensoriale per gli agenti di Sdc Trade

SdcTrade rafforza la preparazione dei proprio agenti con la collaborazione del Centro Studi Assaggiatori. La sua forza vendite ha infatti partecipato al corso di Interazione sensoriale del vino organizzato ad hoc dal Centro Studi Assaggiatori. Un momento pensato per rafforzare la competenza degli agenti Sdc e offrire conoscenze concrete e suggerimenti pratici per segmentare l’offerta in base alla tipologia del cliente finale.
Un agente sempre più qualificato è un valore aggiunto che si offre alla propria clientela: per questo Sdc ha avviato questo percorso di affinamento delle conoscenze enologiche della propria forza vendita. Tra le materie inserite nel programma del Centro Studi Assaggiatori: psicofisiologia della percezione, analisi transazionale, psicolinguistica sensoriale, analisi sensoriale del vino e metodi di assaggio, merceologia specifica.
Non sono mancate prove pratiche con test di analisi sensoriale di alcune particolari etichette, verifica delle capacità di assaggio, costruzione del profilo narrativo di diversi vini.
“L’unicità di questa formazione – ha spiegato il direttore marketing di Sdc Antonio De Bellis – dipende anche dal fatto che abbiamo segmentato tutta l’offerta delle nostre duecento referenze per tipologia di negozio identificato in base ad una serie di parametri come localizzazione, aspetto della vetrina, insegna e arredo interno, esposizione dei prodotti, marchi trattati, tipologia di clientela che frequenta il punto vendita”.
A ciascuno il vino più adatto, insomma, nell’ottica di un servizio sempre più orientato al consumatore finale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.