Vado al supermercato con il personal shopper

| 0 comments

Parliamo di guide dei vini: normalmente funzionano con una selezione di vini che qualcuno ritiene che siano buoni (non vogliamo entrare nel merito del come) e poi li valuta (anche qui non vogliamo parlare del metodo) e li pone in guida (e qui non vogliamo trattare del perché). Morale: per il consumatore comincia l’avventura.

In primo luogo li deve trovare, perché non sempre sono molto diffusi. Poi deve decidere se comprarli o meno in base al prezzo e quindi deve fare un atto di fede: saranno davvero meritevoli?

Sette anni fa è nata la Guida Vini di Altroconsumo che ha ribaltato completamente lo scenario di questi prodotti editoriali: oltre trecento vini rappresentativi del mercato italiano sono comprati, testati chimicamente e valutati sensorialmente secondo le regole scientifiche dell’analisi sensoriale e riportati in guida con una scheda stringata, chiara ed esaustiva.

Da questa operazione – diventata ormai una delle più importanti per definire il valore della qualità percepita dei vini italiani, tanto da farne oggetto di pregevoli studi da parte di ricercatori italiani – è scaturito un nuovo modo di vivere il vino derivante dalla possibilità di bere bene (evitando le delusioni) senza spendere molto. In periodi come questi è facile intendere come un simile prodotto editoriale apporti un reale beneficio sia al produttore che persegue la qualità, sia al consumatore che desidera soddisfazione con le risorse che si trova a disposizione. Quindi basta prendere in mano la guida e andare al supermercato per avere un personal shopper affidabile e fare buoni acquisti.

Ma la si può anche consultare comodamente seduti sul divano per attingere a tutte le notizie per conoscere il vino da vicino, i suoi territori e i vitigni, il modo giusto per goderne con pienezza. Recenti ricerche dimostrano che la soddisfazione aumenta quando si apre la mente alla gente migliorando la capacità che ha di costruirsi delle mappe della realtà complete e dettagliate. E in questo la Guida Vini 2012 ha addirittura superato le edizioni precedenti.

Leave a Reply

Required fields are marked *.