Ricerche di mercato, tendenze sensoriali, nuovi metodi e analisi di prodotti
 

Il caffè come il vino: perseverare è diabolico

Il caffè è come il vino solo nel sogno di chi ci vorrebbe la stessa poesia. Questa è la sola cosa che ci accomuna con costoro, perché per il resto, non di rado, le loro considerazioni ci fanno un po’ inorridire e in qualche modo dimostrano che, se non studiano e continuano a vivere di pressappochismo e di leggende metropolitane, quel sogno non si raggiungerà mai.
Partiamo dall’inizio: vero è che sia il caffè, sia il vino, sono di origine agricola. Come, per ora, quasi tutti gli alimenti. Diciamo quasi, perché con la moltiplicazione cellulare in laboratorio le cose potrebbero cambiare, ma noi non le vivremo, spero.
Quindi alla base c’è un terroir, con i suoi fattori pedoclimatici, colturali e culturali. Ma finisce qui.
Il caffè è una drupa, l’uva (dalla quale si fa ancora il vino), una bacca. Del caffè si usano i semi, dell’uva la polpa, i semi nella produzione del vino sono, prima o poi allontanati. La fermentazione del caffè, qualunque sia, avviene a pH decisamente più alti; quindi, le specie di microrganismi che operano sono abissalmente diverse da quelle del vino. Il caffè viene tostato, il vino no.
E su quest’ultima fase di processo si è creata un’altra bufala: il caffè ha il doppio degli aromi rispetto al vino, 800 contro 300, che a ben vedere è già un errore aritmetico. In realtà la questione sta in termini ben diversi. Se questo calcolo è eseguito sulla base dell’analisi strumentale siamo ben lontani dai risultati raggiunti oggi: oltre 1500 molecole per entrambi i prodotti. Ma in futuro potranno salire ancora, perché è solo questione di sensibilità degli strumenti. Dipende quindi la fonte dalla quale attinge lo scrittore il fatto di trovarsi con qualche centinaio o qualche migliaio di molecole volatili. Questo comunque non significa che siano olfattivamente attive, perché alcune non arrivano ai recettori e altre non sono in grado di produrre segnali. In ogni caso rileviamo un altro errore concettuale: l’informazione olfattiva non dipende solo dal numero e dalla quantità di molecole, ma anche dai rapporti che generano tra loro. Un po’ come le lettere dell’alfabeto: pazzo e pozza contengono le stesse lettere, ma il significato è decisamente diverso.

Luigi Odello

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *