Premio Soldera: 9 ricercatori nella sala della Lupa a Montecitorio

| 0 comments

Soldera qLo scorso 8 marzo 9 giovani ricercatori (Lorenzo Brilli, Elena Gargnali, Marco Ghislanzoni, Lidiya Lelechenko, Eleonora Mari, Ginevra Marzucchi, Elena Piva, Yuri Romboli e Veronica Volpi) hanno esposto i loro lavori di fronte a Gianfranco Soldera, artefice del bando, e a una commissione di professori (Mario Fregoni, Luigi Bavaresco, Mauro Cresti, Luigi Odello, Giancarlo Spezia e Massimo Vincenzini) che li avevano valutati con perizia ritenendoli tutti degni di entrare in una cerimonia celebrata nella sala di Montecitorio dove è stata firmata la costituzione italiana.
Non è mancato l’omaggio di deputati e membri del governo, ma quello che più importa è il valore delle ricerche presentate che spaziano lungo l’intera filiera di produzione del vino: influenze meteorologiche sulla qualità delle uve, microartropodi, enoteca del futuro, influenza della defogliazione, certificazione dell’origine mediante Dna, caratterizzazione chimica con approccio olistico, contenuto in polifenoli e nuovi metodi di analisi sensoriale.
Il primo premio ex-aequo è stato assegnato a Elena Piva dell’Istituto Zooprofilattico Sperimentale delle Venezie e a Ginevra Marzucchi dell’Università di Siena, ma il vero vincitore è il vino, che ha visto così tanti giovani lavorare per alzare ulteriormente il livello dell’eccellenza in ambito enologico. E l’insieme fa sorgere una riflessione: se la metà delle aziende italiane dedicasse alla ricerca le risorse che profonde Soldera Case Basse, quali nuovi orizzonti si potrebbero schiudere per il nostro mondo?
Fotografia di Daniele Cavadini

Leave a Reply

Required fields are marked *.