Sensory News

Ricerche di mercato, tendenze sensoriali, nuovi metodi e analisi di prodotti
 

Management del Turismo Enogastronomico

Il corso di specializzazione online in Management del Turismo Enogastronomico è un modello avanzato per sviluppare al meglio la propria offerta: un percorso per sviluppare competenze, nato da ventennale esperienza nella formazione e nel settore.
Il percorso mette a disposizione le più aggiornate conoscenze sul turismo enogastronomico, con dati attuali e spesso introvabili sul mercato, con un approccio internazionale che nasce da anni di esperienze in diversi Paesi del mondo.
Come personalizzare le visite in cantina con un posizionamento distintivo per la tua realtà?
Come rinnovare la ristorazione puntando sull’offrire corsi di cucina o food tour verso i produttori?
Cosa cerca il turista per tipologia, mercato e target?
Come costruire per lui esperienze accattivanti partendo a partire da un prodotto? (Pizza, gelato, olio, … )
Il contesto di mercato è cambiato, ma tante sono le possibilità per il turismo enogastronomico. Forse nessun momento come questo è di stimolo per rinnovare la tua offerta e per generare nuove esperienze con creatività per i prossimi anni.
Costruisci un piano di sviluppo personalizzato della tua attività, attraverso un percorso di formazione interattivo, puntando sulla innovazione e la qualità dell’offerta.
Il corso è organizzato dall’Associazione Italiana Turismo Enogastronomico e progettato da Roberta Garibaldi. Non ha scopo di lucro e i fondi raccolti dalle quote di iscrizione andranno a sostenere le prossime attività di ricerca.

Clicca al seguente link per avere maggiori informazioni.

Italia: paese per viaggiatori

Marina BerlinghieriL’onorevole Marina Berlinghieri ci spiega che ruolo ha il turismo nel nostro Paese e che cosa cerca il viaggiatore quando si muove in Italia? Tra attività esperienziali, servizi online e coinvolgimento emotivo dove si può ritrovare sé stessi e allo stesso tempo reinventarsi.

Ecco in video l’intervento tratto dal webinar della serie “L’Assaggio – percorsi sensoriali per l’innovazione”, che si è svolto lo scorso 19 gennaio. Guarda il webinar completo sulla nostra pagina YouTube.

International Coffee Tasting: assegnate le Platinum Medal 2021 a cinque caffè top

Platinum Medal 2021Le italiane Lavazza e Torrefazione Griso, le cinesi Luckin Coffee e Guangdong Shunda e la taiwanese GB5 Lab vincono la Platinum Medal 2021 di International Coffee Tasting, il concorso internazionale organizzato dall’Istituto Internazionale Assaggiatori Caffè (Iiac). La gara finale si è svolta il 16 marzo scorso presso Hub Coffee Lab.
International Coffee Tasting premia i caffè migliori dal 2006. L’edizione del 2020 ha visto sfidarsi 367 caffè da 13 paesi. Realizzata con il supporto scientifico del Centro Studi Assaggiatori e della società di consulenza Good Senses, la competizione fonda il suo valore sulle valutazioni tecniche dei giudici dello Iiac che può contare una rete di più di 12.000 professionisti in oltre 40 paesi. I giudici operano completamente alla cieca nel quadro delle più severe norme di analisi sensoriale e sotto controllo statistico.

“In una competizione come International Coffee Tasting in cui è difficilissimo giungere alla Gold Medal, ottenere la Platinum Medal è un riconoscimento eclatante alla qualità del proprio caffè, un suggello a un lavoro di grande dettaglio sul prodotto”, ha dichiarato Luigi Odello, presidente Iiac.
“Per l’assegnazione delle Platinum Medal siamo andati oltre il meccanismo usuale, prevedendo per ogni caffè un doppio assaggio da parte di tutti gli assaggiatori, e poi elaborando statisticamente i dati come previsto dalla nostra metodologia”, ha specificato Gian Paolo Braceschi, CEO di Good Senses e direttore del concorso.
“La composizione del gruppo dei 5 vincitori sui quasi 400 partecipanti indica chiaramente che la qualità non è della piccola o della grande torrefazione, ma di chi davvero vuole farla: ai giganti Lavazza e Luckin Coffee si affiancano infatti la media Guangdong Shunda e le boutique Torrefazione Griso e GB5 Lab”, ha commentato Carlo Odello, presidente di Good Senses.

Questi gli specifici prodotti vincitori della Platinum Medal (in ordine alfabetico):

  • GB5 LAB, GB5 LAB, Taiwan (Cat. E: Miscela Espresso)
  • Guangdong Shunda Food Flavor & Ingredients Co. Ltd, Sdr Blend, Cina, (Cat. E: Miscela Espresso)
  • Luckin Coffee Roasting (Pingnan) Co., Ltd, Soe-Distinct Aroma, Cina (Cat. F: Singola Origine Per Espresso)
  • Luigi Lavazza S.p.a. (Torino), La Reserva de ¡Tierra! Colombia, Italia (Cat. E: Miscela Espresso)
  • Torrefazione Il Griso di Balzan C. e Biscotti A. (Monza e Brianza), La Comare Segreta, Italia (Cat E: Miscela Espresso)

Il piacere si comunica con la voce: ecco i primi specialisti

Elena AstoneAvete mai pensato di elevare la potenza sensoriale della vostra voce? Narrare lasciando gli altri a bocca aperta come fossero bambini? Non dover più dire: “ascoltami per favore”? Non dover più rincorrere i visitatori della vostra azienda quando li ricevete per fargliela conoscere?
Bene, 15 operatori di varia estrazione e di diversa professione, tutti accomunati dalla necessità di comunicare bene di persona, hanno terminato il corso dell’attrice e Voice & Communication Trainer Elena Astone (in foto) firmato dai Narratori del gusto. Quattro incontri densi di nozioni da digerire nel prossimo lustro rifacendo gli esercizi proposti dal prezioso materiale consegnato, ma anche pregne di simpatia, tanto da formare una nuova famiglia al servizio di uno stile di narrazione molto prossimo agli obiettivi che si pone l’associazione che ha promosso l’evento.

Ci sarà a breve una nuova edizione del corso? Ancora non si sa, ma gli interessati possono lasciare il loro indirizzo compilando il seguente modulo per ricevere informazioni tempestive non appena verrà programmata.

Lanciata l’undicesima edizione del premio Soldera Case Basse

Il Premio internazionale Soldera Case Basse per giovani ricercatori intende sostenere i giovani talenti di tutto il mondo che dedichino studi al settore vitivinicolo in senso lato. Il Premio desidera attirare l’attenzione degli studiosi al fine di stimolare la ricerca e il miglioramento continuo su vari temi quali, per esempio la viticoltura, le tecnologie enologiche, le caratteristiche chimico-fisiche, le scienze sensoriali, come anche argomenti legati all’efficienza gestionale, alla competizione commerciale, alla logistica, alla comunicazione e così via.

Clicca qui per scaricare il bando di partecipazione.

Perché sprecare risorse per fare qualità?

Luigi OdelloUn titolo dissacrante? Un ossimoro? A ben vedere no. Sono centinaia di aziende che profondono risorse per raggiungere livelli qualità che poi non sono apprezzati. E questo perché non lavorano sul triangolo aureo della qualità che prevede un equilibrio tra qualità erogata, qualità attesa e qualità percepita. Le scienze sensoriali costituiscono lo strumento più importante per misurare questi tre aspetti. Ne parla in questo video Luigi Odello, tratto dal primo webinar della serie “Percorsi sensoriali per l’innovazione” che potete trovare sulla nostra pagina YouTube.

Il Biscottificio Grondona nel club mondiale dei bicentenari

Il Biscottificio Grondona è diventato il membro più giovane del club Les Hénokiens. Da Parigi, dove ha sede l’Association Internationale d’Enterprises Familiales & Bicentenaires, è arrivata l’approvazione della severa istruttoria per l’ammissione a questo ristretto club, di cui fanno parte solo 50 aziende di Europa e Giappone, la più antica delle quali è il ryokan giapponese Hoshi, fondato nell’anno 707.
Per entrare in Les Hénokiens occorre rispettare quattro criteri. Il primo è per certi versi il più facile: bisogna avere almeno 200 anni di storia. Ma occorre anche che i discendenti del fondatore siano i proprietari della società. Un terzo criterio di ammissione è che la società sia guidata da un membro della famiglia del fondatore, mente il quarto prevede che l’azienda sia dinamica dal punto di vista imprenditoria e solida da quello finanziario. La documentazione prodotta deve essere certificata da un membro dell’associazione che, da prassi, si offre come relatore o relatrice della candidatura avanzata dall’azienda.
L’ammissione ufficiale per il Biscottificio Grondona è arrivata nel corso dell’assemblea generale che ha avuto luogo a Nagoya, in Giappone, alla quale i membri hanno partecipato in videoconferenza, atto finale di un iter di ammissione, particolarmente accurato, che ha avuto inizio nell’ottobre del 2020.

Il presidente Gildo Grondona ha commentato: «La procedura è stata lunga e ha richiesto molto tempo, ma è stato un viaggio affascinante nella nostra storia. Nella documentazione prodotta abbiamo inserito anche l’albero genealogico dei Grondona. Il dossier che abbiamo fornito a Les Hénokiens ha soddisfatto tutti i requisiti e così siamo stati ammessi in questo club, se così si può definire, di aziende bicentenarie a conduzione familiare. Per noi è un traguardo molto importante, che premia la fedeltà ai nostri valori di imprenditori».

Addio alla presidente dell’Organizzazione assaggiatori salumi

Bianca PiovanoCi ha lasciato Bianca Piovano, 78 anni, prima e unica presidente Onas (Organizzazione nazionale assaggiatori di salumi); a ottobre era stata riconfermata alla guida dell’associazione nata nel 1999 alla Camera di commercio di Cuneo per promuovere la cultura del salume. Originaria del Torinese, laureata in Scienze biologiche, nel 1989 fu tra i soci fondatori dell’Organizzazione Nazionale Assaggiatori Formaggi (Onaf), di cui era anche maestro assaggiatore. Nel 1999 fu tra i soci fondatori dell’Onas a Fossano, di cui assunse la presidenza mantenuta fino ad oggi. Nel 2020, a causa dell’emergenza Covid-19, diede grande impulso alla nascita di Onas 2.0, attività online con videoconferenze gratuite per i soci, una struttura logistica a Fossano per l’invio dei salumi prima del corso ai partecipanti. Un grande successo anche dall’estero, con la nascita di Onas International.

Sebastiano Caffo presidente dell’Istituto Nazionale Grappa

Sebastiano Caffo

Quest’anno l’Istituto Nazionale Grappa compie 25 anni e sarà Sebastiano Caffo, con la collaborazione del vicepresidente Elvio Bonollo e del segretario generale Luigi Odello, a traghettarlo alla nuova forma giuridica di Consorzio di Tutela della Grappa.

Dal 1996, anno in cui è nato, l’Istituto Nazionale Grappa, associazione che riunisce organismi regionali nati per la tutela e la promozione della grappa e singoli produttori, si fa carico di difendere, la più italiana delle acqueviti da quanti vorrebbero abusare del suo nome e delle tradizioni che rappresenta.
Seguendo le norme statutarie lo scorso mese di dicembre l’Istituto ha proceduto al rinnovo degli organi di governo nominando nel consiglio Sebastiano Caffo (Distilleria F.lli Caffo), Francesco Montalbano (Distilleria Deta), Elvio Bonollo (Distillerie Bonollo Umberto) Alessandro Maschio (Beniamino Maschio), Giovanni Brunello (Distilleria F.lli Brunello), Andreas Roner (Distilleria Roner), Stephan Unterthurner (Distilleria Privata Unterthurner), Arturo Rossi (Distilleria Rossi d’Angera), Paolo Covi (La Valdotaine), Cesare Mazzetti (Assodistill), Sergio Moser (Fondazione Edmund Mach), Luigi Odello (Centro Studi Assaggiatori). Nel collegio sindacale siedono Armando Colliva, Luca Sartori e Sandro Cobror, mentre il collegio dei probiviri è formato da Laura Formichella, Enrico Toti e Bruno Pilzer.

Il 5 marzo il consiglio di amministrazione ha nominato presidente Sebastiano Caffo. Subentra a Elvio Bonollo che ha esaurito i due mandati nella carica concessi dallo statuto, ma continuerà ad affiancare il presidente in qualità di vicepresidente, mentre segretario generale è stato nominato Luigi Odello.

Sebastiano Caffo, ringraziando il consiglio per la fiducia e Elvio Bonollo per l’ottimo lavoro svolto, ha dichiarato: “È ora importante dare all’Istituto la veste giuridica di consorzio di tutela affinché possa essere incaricato dal Ministero competente alla tutela della Grappa nella sua dignità di acquavite a indicazione geografica. La grappa rappresenta un patrimonio importante per l’Italia essendo di fatto un’ambasciatrice efficace del made in Italy. La sua importanza non si limita agli aspetti produttivi, ma coinvolge in modo sostanziale il turismo, essendo le grapperie – oggi veri templi del bere saggio – mete intriganti per i turisti di tutto il mondo”.

La ricerca intorno al cibo, il packaging sensoriale

Per la serie “La ricerca intorno al cibo”, webinar di notevole interesse scientifico organizzati dal Politecnico di Torino e moderati da Beatrice Lerma e Doriana dal Palù, giovedì 11 marzo alle 10,30 verrà trattato il tema “Il packaging sensoriale” con l’intervento di Luigi Patitucci (designer, storico e critico del design), Luigi Odello (Centro Studi Assaggiatori), Francesca Tomas e Franco Fracchia (Laboratorio chimico della Camera di Commercio di Torino).
L’incontro è dedicato al tema della anticipazioni sensoriali, al ruolo di vista, udito, tatto nel packaging, e approfondirà dagli strumenti per la degustazione alla percezione del lusso nel packaging, con una selezione di ospiti sui temi del packaging che anticipa, svela e attrae.

Per quanti sono interessati a seguirlo: https://forms.gle/2hhHjYFBYUwjMTVX8