28 March 2019
by Redazione
0 comments

Dop Garda. L’olio e il suo lago

Il numero 7 dell’annuario Olio Officina Almanacco è interamente dedicato alle produzioni olearie del Garda e al territorio in cui si coltivano gli olivi.
All’interno un omaggio a Gualtiero Marchesi, l’editoriale Noi siamo fatti di parole, di Luigi Caricato, e, a seguire una serie di parole d’ordine: territorio, habitat, paesaggio, storia, memoria (ricordando Giorgio Bargioni), identità, cultivar, germoplasma, olivo, linguaggio (con il saggio La lingua e l’olio: parole per gustare e degustare, di Rosalia Cavalieri), assaggio, olio, bicchiere, cura, abbinamenti.
Nella seconda sezione, dal titolo Il Garda in cucina, tre ricette dello chef Giuseppe Capano, la terza sezione è intitolata Poesia e in conclusione, l’Olio Dop Garda in sei domande e in sei risposte con l’intervista alla presidente del Consorzio olio Dop Garda Laura Turri, a cura di Luigi Caricato.

Titolo: Dop Garda. L’olio e il suo lago

Editore: Olio Officina Almanacco
Formato: 21*17
Anno: 2019
Pagine: 96
Prezzo: 12,00 euro

21 March 2019
by Redazione
0 comments

Vendere un difetto, non è nuovo ma può funzionare

Ormai tanto tempo fa venne da me un distillatore con un campione di grappa affetta dal terribile sentore di muffa e mi chiese una cura. Gli risposi che purtroppo non c’era rimedio, neppure la distillazione poteva funzionare, tanto meno trattamenti con carboni deodoranti in quantità massiccia. Passò qualche mese e notai in commercio una preziosa “Grappa da muffa nobile”.
In fondo non aveva fatto che copiare quanto avveniva con gli Scotch dal sentore fenico venduti con l’argomentazione che, avvenendo l’invecchiamento in prossimità del mare, ricevevano la peculiare nota iodata.
Nonostante questo non ho potuto rimanere indifferente di fronte a un articolo di Carlo Macchi su Vinix nel quale parla di un vino denominato Mr. Brett che ha trovato elogiato in un altro blog come  “un vino rosso nel quale il brettanomyces è parte integrante e distintiva del prodotto”. La discussione sul citato unicellulare, capace di generare grandi quantità di molecole che offrono al consumatore una nota definita – non troppo correttamente – di “cavallo sudato”, credevo fosse finita da tempo con la sentenza che il sentore “bretty” non è piacevole per la maggioranza della popolazione e indica inequivocabilmente un difetto.
Ma non ci fermeremo qui, perché nel caffè stanno giungendo microlotti in cui è dichiarata la fermentazione con batteri lattici e per confermarla si offrono al consumatore con ben poco eleganti note caseose. In realtà i batteri lattici partecipano da sempre alla degradazione dell’acido malico nei caffè lavati rendendo sicuramente il loro profilo sensoriale più ampio e intenso, ma se la fermentazione è corretta non danno note di formaggio.

21 March 2019
by Redazione
0 comments

Come si valuta la tazzina per l’espresso

Un viaggio nel Centro Studi Assaggiatori e nell’Istituto Internazionale Assaggiatori Caffè documentato da Club House.
Un video che racconta test di analisi sensoriale riguardanti gli attrezzi più utilizzati dalle persone per consumare caffè.
Per vedere il video cliccare sull’immagine.

21 March 2019
by Redazione
0 comments

Comunicare il vino. Tecniche di neuromarketing applicate

Come funziona il neuromarketing applicato al mondo del vino? Quali sono le migliori strategie per la scelta di un’immagine in un sito? Come costruire etichette in grado di rispondere razionalmente alle richieste dei consumatori e al contempo di emozionarli?
Il testo risponde a queste domande partendo da casi applicativi di monitoraggio dei processi di comunicazione nel mondo vitivinicolo.
Titolo: Comunicare il vino. Tecniche di neuromarketing applicate
Autori: Vincenzo Russo e Patrizia Marin
Editore: Guerini Next
Formato: 21*14
Anno: 2016
Pagine: 252
Prezzo: 25,00 euro

14 March 2019
by Redazione
0 comments

Cosa fanno i Narratori del gusto quando si incontrano?

E’ proprio a Milano, nella due giorni svolta il 19 e 20 febbraio, che hanno risposto in modo esaustivo alla domanda: hanno trattato della comunicazione innovativa in un partecipatissimo workshop; hanno fatto giochi sensoriali e presentato Sensory games, il nuovo volume a essi dedicato; hanno realizzato un corso da Brand teller per gli operatori della comunicazione e, soprattutto, hanno generato relazioni di business di estremo interesse.
Vivete con noi alcuni di questi momenti attraverso il video realizzato da Presspot che pubblichiamo.

14 March 2019
by Redazione
0 comments

Marketing talks: emozione & relazione

La qualità delle nostre relazioni è la diretta espressione delle emozioni che proviamo e di “come” comunichiamo. E’ la felicità interiore che fa da propulsore a questo processo e appaga l’individuo ad alimentare sempre più la sua crescita personale e professionale.
Ne parlerà Rosy Falcone, Mental & business coach nell’incontro Marketing talks: emozione & relazione che si terrà giovedì 21 marzo a Milano. Aprirà l’evento Carola Goglio, vice presidente dell’Associazione Italiana Sviluppo Marketing.
Per ulteriori informazioni scriverà a info@aism.org.

14 March 2019
by Redazione
0 comments

L’assaggio delle olive da tavola

Tutti consumano olive da tavola, di ogni tipo e colore, ma pochi conoscono il modo di degustarle e valutarne la qualità sensoriale. Così come per l’olio extra vergine di oliva, anche per le olive in salamoia esistono metodiche di assaggio specifiche da tenere in debita considerazione. L’autore, Roberto De Andreis, ci aiuta in tale percorso di formazione con semplicità di linguaggio, rigore scientifico e chiarezza espositiva. L’Assaggio delle olive da tavola, appena licenziato dalle stampe, ci insegna a degustare questo magnifico prodotto.

Titolo: L’assaggio dell olive da tavola

Autore: Roberto De Andreis
Editore: Olio Officina
Formato: 21*14
Anno: 2019
Pagine: 45
Prezzo: 12,00 euro

6 March 2019
by Redazione
0 comments

Perché un odore è cattivo?

Possiamo parlare di odori cattivi quando esistono una o più delle seguenti condizioni: il sospetto igienico (l’odore di muffa nel caffè), l’evocazione di un evento negativo (il sentore del sangue per chi ha vissuto un incidente) o l’incoerenza (l’odore del burro è piacevole nelle brioche, ma non fa premio in una birra). Va da sè che l’odore negativo è condizionato dalla cultura, quindi da fattori sociali e antropologici: il Gorgonzola, quando è buono, è sublime per noi, un po’ meno per gli orientali; l’ossidato in un Marsala non è difetto ma caratteristica peculiare, come pure lo spunto nell’aceto.
Ovviamente nel capitolo possono essere inserite le mode e le abitudini che a volte diventano storiche: lo Scotch delle Island viene riconosciuto di maggior valore in quanto sa di fenolo, il caffè dei Balcani sa di riato, la birra a fermentazione spontanea molte volte è acetosa. Da questo punto di vista solo i tecnici sanno distinguere il vizio dalla virtù, ma in genere soccombono di fronte alla comunicazione che non di rado sfrutta caratteri estremi per dare un’identità forte al prodotto.
Una buona rassegna per farsi un’idea di quanto sia aleatoria la classificazione dei cattivi odori è stata stilata da GQ che ha proposto cibi puzzolenti tanto ricercati da raggiungere quotazioni strabilianti: Durian, un frutto indonesiano; Hákarl, carne fermentata di squalo della Groenlandia; Stinky tofu, cagliata di soia fermentata cinese;  l’uovo in pasta d’argilla invecchiato tal quale per anni di tradizione orientale; Nattò, semi di soia fermentati con particolari bacilli; Jatobà, il frutto dell’albero delle locuste originario dei Caraibi; Hongeo, carne di pesce fermentata molto amata nella Corea del Sud; Stink, fagioli apprezzati in estremo oriente; Surströmming, puzzolente aringa acida svedese.

6 March 2019
by Redazione
0 comments

Sensory Games: il manuale della comunicazione innovativa

Con 27 giochi sensoriali codificati attraverso testi coincisi e tutte le schede connesse che servono per realizzarli e operare nel mondo della comunicazione di persona mediata da cibi e bevande, il libro realizzato dal Centro Studi Assaggiatori per i Narratori del gusto è un utile manuale di supporto a tutti i professionisti della comunicazione e una divertente ludoteca per quanti sono alla ricerca del piacere.
Ma non solo, vengono anche spiegati i possibili campi di applicazione: hospitality, eventi aziendali, vita al bar, fiere, circoli sportivi e ricreativi, attività con i bambini e altri ancora.
Ecco la rivoluzione della comunicazione del gusto che trasforma gli incontri in eventi sensoriali, le presentazioni in gioco sensoriale e lo spettatore in protagonista. Come? Mettendo alla prova i sensi.
Sensory Games è la risposta concreta al passaggio dal “vedere” al “fare”, al cambiamento radicale portato dalla tecnologia nella comunicazione che ci ha colpiti profondamente nell’io accarezzando e dando impulso ai nostri sogni di protagonismo, di essere padroni di noi stessi, di poter dire la nostra, di partecipare e non di assistere. Cibi e bevande diventano così mediatori e facilitatori di relazione, utile nesso per chiunque desideri aprire un rapporto positivo.
Nato dall’esperienza sul campo e la ricerca dei Narratori del gusto, questo testo è il condensato della filosofia dell’associazione e il manuale che definisce le aree in cui questa nuova figura professionale è chiamata a operare con successo.
È possibile acquistare il volume a: shop.assaggiatori.com
Editore: Centro Studi Assaggiatori
Curatore della collana: Luigi Odello
Autori: Isabella Delbarba, Claudia Ferretti, Luigi Odello, Annalisa Maria Renzi, Manuela Violoni
Formato: 19×27
Pagine: 80

6 March 2019
by Redazione
0 comments

160 battute, 1.000 e più sms… in rima

Sostene Schena, autore del libro 160 battute, 1000 e più sms… in rima, rivoluziona il concetto di sms: non più solo un modo per sentirsi in compagnia, conoscersi, chattare, frequentarsi e – perché no – addirittura lasciarsi, ma un vero e proprio modo di reinventare la comunicazione interpersonale: “Non più abbreviazioni assurde, parole di sole consonanti (alla moda delle lingue slave), vocaboli che non esistono in alcun vocabolario ma piccole composizioni di 160 caratteri (spazi compresi) che siano piacevoli e facili da leggere anche per chi non è troppo acculturato; e che cosa c’è di più leggero e semplice di una poesiola in rima?”.

 

Titolo: 160 battute 1.000 e più SMS… in rima

Autore: Sostene Schena

Editore: Albatros
Formato: 21*14
Anno: 2018
Pagine: 477
Prezzo: 16,90 euro