26 June 2019
by Redazione
0 comments

Cosa abbinare al Gran Milano Rovagnati? Ecco i risultati degli Abbinamenti audaci

Che cosa senti assaggiando il prosciutto crudo Gran Milano Rovagnati? E a cosa lo abbineresti? Queste sono le domande a cui hanno risposto i 39 partecipanti al gioco Gli abbinamenti audaci, svolto all’open day di Sensory Games.
I giocatori, a seguito dell’assaggio, hanno segnato sulla scheda del gioco descrittori visivi, tattili e olfattivi liberamente. Ne è emerso un profilo complesso, articolato in 18 aromi, fra i quali spiccano sentori di spezie, nocciola e miele. Un prodotto così complesso che è difficile abbinare? Ebbene no: i partecipanti hanno proposto l’accompagnamento con vini rossi, spritz e diverse birre, da quelle chiare e beverine a rosse doppio malto. Questo per le bevande, mentre il matrimonio con altri cibi ha riguardato grissino e focaccia, pecorino e Parmigiano e, tra la frutta, soprattutto fichi e mele.

26 June 2019
by Redazione
0 comments

La comunicazione sensoriale

La comunicazione sensoriale è un tema ampiamente discusso dove spesso manca una base scientifica e un po’ di divertimento.
Nel video l’intervista a Manuela Violoni, socio dei Narratori del gusto, che ci racconterà di questa comunicazione innovativa nata con i Narratori del gusto.

20 June 2019
by Redazione
0 comments

A Tignale la tavola delle delizie dei Narratori del gusto

Venerdì 21 giugno a Tignale presso la Latteria Turnaria si terrà il prossimo workshop dei Narratori del gusto. Estetica digitale è il titolo dell’evento che vedrà pochi relatori ma capaci di aprire la mente.
Saliranno in cattedra Giorgio Diquattro responsabile del Polo Agrifood, Tommaso Mezzavilla e Lorenzo Ferrante di Robilant Associati, Luigi Odello del Centro Studi Assaggiatori, Nicola de Franceschi dell’Università di Brescia, Stefano dell’Orto, Carlotta Brucco e Riccardo Telesca di Neom e Massimo Giordani presidente dell’Associazione Italiana Sviluppo Marketing.
La pausa pranzo sarà caratterizzata da una tavola imbandita di prodotti dei soci dei Narratori del gusto. Spazieremo dalle delizie del territorio di Tignale ai formaggi di Agriform, dai salumi di Rovagnati e Cremonini all’aceto balsamico di Acetum, dai vini di Sartori e Santi ai prodotti da forno del Biscottificio Grondona, dai distillati di Casa Martini, Caffo e Mazzetti d’Altavilla al cioccolato di Domori e, per finire, i caffè di Lavazza e Torrefazione Saturno.

20 June 2019
by Redazione
0 comments

E’ Stefano Cevenini il campione italiano dei baristi

Si chiama Stefano Cevenini è di Bologna e ha 19 anni il barista che ha vinto Espresso Italiano Champion 2019, il campionato internazionale baristi promosso dall’Istituto Nazionale Espresso Italiano (Inei), giunto quest’anno alla sua sesta edizione. Cevenini ha battuto altri tredici baristi giunti da tutto lo stivale nella fase finale della gara ospitata da Mumac Academy dal 12 al 13 giugno scorsi.
La ricetta dell’espresso italiano più buono d’Italia. Classe 1999, barista da quando ha 15 anni, già vincitore del titolo Maestri dell’Espresso Junior, Cevenini ha le idee molto chiare sul caffè perfetto. «La ricetta migliore per l’espresso italiano è una miscela bilanciata che sappia rendere una tazzina complessa nei profumi e rotonda al palato, seguendo la tradizione di 25 ml circa in 25 s. Io ho lavorato molto sulla temperatura della macchina, ottenere un espresso rotondo ed equilibrato tra acidità e amaro – ha commentato il campione in carica – ai miei coetanei posso dire solo una cosa: credeteci! Per diventare Espresso Italiano Champion serve la passione per questo lavoro, per la materia prima, ma soprattutto allenamento e sudore e per questo ringrazio i miei coach Daniela Giordani, Christian Tirro e Alessandro Toni». E per i clienti il campione d’Italia dell’espresso ha un solo consiglio: «L’espresso perfetto deve essere così potente da estraniarvi dal mondo reale, attivare un viaggio mentale e sensoriale». Idee molto chiare anche sul cappuccino: in gara Cevenini ha portato quello classico presentando tazze dalla crema finissima, di corpo pieno e con equilibrio raffinato tra latte e caffè.
Per arrivare al titolo Stefano Cevenini ha vinto prima la selezione locale organizzata a Faenza da Mokador, poi la semifinale nazionale e infine la finalissima. Rappresenterà ora l’Italia durante la fase internazionale del campionato dal 18 al 22 ottobre a Host Milano, dove saranno coinvolti anche i vincitori delle tappe svolte all’estero (Bulgaria, Cina, Corea, Germania, Gran Bretagna, Giappone, Russia, Taiwan e Tailandia) per decretare il miglior espresso e cappuccino del mondo. Una gara giocata a colpi di espresso e cappuccini perfetti, da preparare correndo contro il tempo (solo 11 minuti a disposizione del candidato), sotto gli occhi dei giudici tecnici e sottoposti al giudizio, impietoso perché cieco, e dei giudici sensoriali che operano in modo “blind” secondo gli standard dell’Istituto Internazionale Assaggiatori Caffè (Iiac).

20 June 2019
by Redazione
0 comments

Il sindaco di Brescia premia il Centro Studi Assaggiatori

A Brescia il welfare e le politiche sociali funzionano. Oltre 300 realtà, sotto il coordinamento della municipalità, hanno costruito La città del noi che si è estrinsecata in numerosi progetti volti ad alimentare la cultura della solidarietà, della disponibilità e dell’inclusione. Tra questi il progetto 100 leve destinato all’inserimento in percorsi professionali di giovani e, nell’ultimo anno, anche di meno giovani.
Il Centro Studi Assaggiatori, società cooperativa, si è inserita nel progetto sin dal primo anno ospitando tirocinanti che hanno lavorato intorno all’analisi sensoriale e alla narrazione del territorio e dei suoi prodotti tipici, trovando poi collocazione nel mondo del lavoro.
Per questo, durante la festa che si è svolta alla Loggia lunedì 17 giugno, il sindaco Emilio del Bono, ha consegnato un’attestazione al Centro Studi Assaggiatori per significare il contributo dato dalla cooperativa.

10 June 2019
by Redazione
0 comments

Estetica digitale è il titolo del prossimo workshop dei Narratori del gusto

“Poca gente con l’intenzione di creare relazioni forti, pochi relatori capaci di aprire la mente”: è con questo claim che viene lanciato il secondo workshop dell’anno dei Narratori del gusto che titola Estetica digitale.
Poca gente, perché la struttura che ci ospita non ci consente di essere in molti, ma anche perché, sfruttando la cornice che ci offre Tignale, perla del Lago di Garda, vogliamo creare relazioni forti per affrontare adeguatamente le opportunità che ci offre l’attuale tendenza: l’Italia è il primo paese al mondo che viene scelto per il turismo gastronomico. Ed è anche per questo che abbiamo pensato a ospitare famiglie e bambini: il workshop sarà pure palestra per la narrazione dei prodotti di un territorio a grandi e piccini.
Pochi relatori, perché non vogliamo solamente sentire discorsi, ma avere la possibilità di discutere gli argomenti con esperti che, in questo caso, sono indiscutibilmente il meglio che si può avere nei rispettivi rami di competenza.
L’intero programma lo trovate nella locandina: la partecipazione è gratuita, ma la registrazione al link pubblicato è essenziale.

10 June 2019
by Redazione
0 comments

Espresso Italiano Champion 2019: i migliori si sfidano a Mumac Academy

Si terranno il 12 e il 13 giugno in Mumac Academy a Binasco (MI) le finali italiane di Espresso Italiano Champion 2019, il campionato internazionale baristi promosso dall’Istituto Nazionale Espresso Italiano (Inei) giunto quest’anno alla sua sesta edizione.
A sfidarsi saranno 14 giovani professionisti provenienti da tutta Italia che hanno superato le prove di selezione in tutto lo Stivale e che gareggeranno per diventare il campione italiano che accederà alla fase finale della gara, dal 18 al 22 ottobre a Host Milano, dove saranno coinvolti anche i vincitori delle tappe all’estero (Bulgaria, Cina, Corea, Germania, Gran Bretagna,Giappone, Russia, Taiwan e Tailandia) per decretare il miglior espresso del mondo.
Una gara giocata a colpi di espresso e cappuccini perfetti, da preparare correndo contro il tempo (solo 11 minuti a disposizione del candidato), sotto gli occhi dei giudici tecnici e sottoposti al giudizio, impietoso perché cieco, dei giudici sensoriali che operano in modo “blind” secondo gli standard dell’Istituto Internazionale Assaggiatori Caffè (Iiac).
«Espresso Italiano Champion supera l’idea di pura e semplice competizione – afferma Luigi Morello, presidente Inei – premiare le competenze dei baristi significa valorizzare l’intera filiera del caffè: solamente quando vi è un vero professionista alla macchina, l’espresso italiano risponde infatti alle caratteristiche tanto attese. Con il campionato baristi Inei vuole portare al centro dell’attenzione in Italia e nel mondo questa figura così importante nella diffusione della cultura e promozione dell’espresso italiano».
Ecco i nomi dei 14 semifinalisti in corsa per il titolo italiano e le aziende socie Inei che hanno organizzato la gara di selezione presso la quale si sono qualificati. In ordine alfabetico: Alessandro Alpaca (La Genovese di Savona), Daniele Betti (Mokarico di Firenze), Nico Bregolin (Essse Caffè di Bologna), Fabiano Bucci (Torrefazione Paranà di Roma), Stefano Cevenini (Mokador di Faenza), Sara Faraci (Altogusto di Sassari), Fabrizio Fumagalli (Torrefazione San Salvador di Sondrio), Aldo Gariboldi (Jolly Caffè di Firenze), Nadia Giacomelli (Caffè Milani di Como), Alex Maronese (Astoria MC di Treviso), Michela Piovuti (Costadoro di Torino), Stefano Salaris (Torrefazione Saturno di Alessandria), Gaia Secco (Dersut Caffè di Treviso) e Davide Valenziano (GI.FI.ZE Filicori Zecchini di Bologna).

10 June 2019
by Redazione
0 comments

In riserva con gusto

Domenica 23 giugno ci sarà l’avvio ufficiale dell’estate astronomica e verrà festeggiata presso la malga Prato della noce con l’evento In riserva con gusto patrocinato dall’Ersaf e dalla Regione Lombardia. Diverse le attività per le famiglie, dalla visita alla malga ai laboratori di panificazione, da attività didattiche ad attività sensoriali.
Qui i Narratori del gusto condurranno i partecipanti, con un viaggio sensoriale divertente e coinvolgente, alla scoperta di prodotti gastronomici locali.
Per ulteriori informazioni scaricare la locandina.

4 June 2019
by Redazione
0 comments

L’effetto della forma del calice su l’evoluzione organolettica e chimico/fisica del vino

Spesso quando versiamo il vino nel bicchiere non consideriamo il contenitore come tramite per il liquido e la sua espressione organolettica e per il consumatore che compirà l’assaggio.
Nel video l’intervista a Francesca Venturi, Università degli studi di Pisa, che ci racconterà dell’effetto della forma del calice sull’evoluzione organolettica e chimico/fisica del vino.

4 June 2019
by Redazione
0 comments

Come faccio a dirtelo e Giudice addestrato sono i nuovi corsi di luglio

Il Centro Studi Assaggiatori lancia i prossimi corsi di formazione del mese di luglio.
La prima giornata Come faccio a dirtelo vedrà in cattedra Guido Bosticco, docente di scrittura creativa dell’Università di Pavia e della Scuola del viaggio. Si affronteranno tematiche come trasformare una percezione sensoriale in un testo, come comunicare un’esperienza e quali sono le tecniche per costruire un racconto in grado di far provare agli altri le nostre stesse sensazioni. Il corso si svolgerà presso il Centro Studi Assaggiatori di Brescia il giorno 5 luglio, per ulteriori informazioni scaricare la locandina.
La seconda giornata è Giudice Addestrato, un corso che consente agli assaggiatori di approfondire la psicofisiologia della percezione attraverso una parte teorica e una serie di sette esercitazioni sul funzionamento del cervello e degli organi di senso. Il corso si svolgerà a Brescia il giorno 19 luglio, per ulteriori informazioni scaricare la locandina.